document.getElementsByClassName("entry-meta")[0].style.visibility = 'hidden';

BLOCKCHAIN E PROPRIETA’ INTELLETTUALE

La proprieta’ intellettuale e le sue tre aree di declinazione corrono verse nuove frontiere, piu’ sicure, piu’ affidabili, piu’ democratiche, dove la contraffazione e’ un lontano retaggio, dove i costi sono ridotti, dove le procedure di registrazione sono velocissime. Utopia? No, la soluzione gia’ c’e’!

Con proprietà intellettuale si vuole indicare l’apparato di principi giuridici che mirano a tutelare i frutti dell’inventiva e dell’ingegno umano.

Sulla base di questi principi, la legge attribuisce a creatori e inventori un monopolio nello sfruttamento delle loro creazioni/invenzioni e pone nelle loro mani alcuni strumenti legali per tutelarsi da eventuali abusi da parte di soggetti non autorizzati.

La proprietà intellettuale include tre principali aree:

-brevetti (proteggono le nuove idee)

-marchi depositati (proteggono i simboli finalizzati a distinguere le varie aziende)

-diritto d’autore (protegge le espressioni artistiche).

Tra i numerosi impieghi delle tecnologie blockchain sicuramente da implementare e’ il supporto che queste possono offrire nei confronti della proprietà intellettuale, offrendo la possibilita’ di documentare il processo creativo e inventivo per dimostrarne priorità rispetto ad altre creazioni.

Le tecnologie blockchain possono, quindi, essere usate per avere una prova della creazione di un diritto di proprietà intellettuale, che sia sicura e cronologicamente certa.

Le tecnologie blockchain possono sostituire i tradizionali registri di marchi e brevetti, trovando grandissima diffusione soprattutto laddove vi e’ l’assenza di una procedura unitaria a livello mondiale per ottenere un brevetto, generandosi una frammentazione del sistema.

Le funzionalità delle tecnologie blockchain sono applicabili anche al mondo dei marchi, poiché un’azienda potrebbe registrare il proprio marchio sulla blockchain e quindi, grazie ad un algoritmo, sarebbe possibile trovare tutti i marchi simili.

 

I vantaggi immediatamente piu’ evidenti sono la riduzione dei costi di registrazione, grazie a procedure piu’ veloci e riduzione dei contenziosi.

 

Se tutto quanto fino a qui esposto potrebbe sembrare ancora utopistico, solo ipotizzabile nella realizzazione e nell’utilizzo, in realta’ non e’ cosi’.

 

B2Lab ha gia’ da diverso tempo messo in campo una soluzione concreta.

La nostra soluzione ha un nome: Certy (https://www.bloki-chain.com/index.php/certificazione-digitale/).

 

Certy e’ l’app che permette di certificare contenuti originali su Blockchain Ethereum pubblica, creando un legame indissolubile e incontraffattibile tra il contenuto stesso e il suo creatore.

 

Dopo aver certificato il contenuto Certy genera un certificato, che riassume i riferimenti della registrazione, in maniera immodificabile, realizzata sulla blockchain, creando un legame indissolubile in questa relazione di proprieta’.

 

Una volta completata la fase di certificazione, sempre tramite smart contract, Certy permette a chiunque di verificare la conformita’ del contenuto e a chi fa capo quel contenuto.

 

B2Lab ha appena certificato su Certy il suo nuovo nato B2Lab klatch.

Attraverso B2Lab klatch vogliamo generare un nuovo modo di fare community, proprio con il tuo contributo di appassionato di nuove tecnologie e digitalizzazione. Scrivici come vuoi che sia il tuo B2Lab klatch a support@bloki-chain.com

 


About Author: B2Lab Team

All Comments


    Write a Comment

    CHOOSE A LANGUAGE »